giovedì 17 maggio 2012

RICORSI TEMERARI


Rischia di costare cara la presentazione di un ricorso palesemente inammissibile in Cassazione. Con la sentenza 4829 del 27 febbraio la stessa Corte ha infatti condannato una parte a pagare all'altra 5 mila euro per avere agito in giudizio con colpa grave. Si tratta di una delle prime applicazioni di una disposizione introdotta nel nostro Codice di procedura civile nel 2006, con un decreto che rimise a fuoco anche gli elementi stessi del ricorso (obbligatoria, tra l'altro, l'indicazione delle norme su cui si basano i motivi che hanno indotto all'impugnazione) e che era chiaramente intenzionata a fare esordire una forma di sanzione per la parte che avesse adottato condotte processuali temerarie o chiaramente dilatorie. Il nuovo articolo 385 del Codice stabilisce così che, quando si pronuncia sulle spese, la Corte, anche procedendo d'ufficio, può condannare la parte che ha perso a versare alla vincente una somma da determinare in via equitativa, ma comunque all'interno di parametri tariffari, «se ritiene che essa ha proposto il ricorso o vi ha resistito anche solo con colpa grave».

Nessun commento:

Posta un commento